LIBERA, il nuovo single di Patrizia Barrera

Libera 4

 

Cari Amici,

eccomi a Voi con un nuovo single davvero carino, due brani inediti in uno stile pop jazz e jazz swing semplice e gradevole.

Si tratta di due canzoni dal sapore estivo con testi accattivanti che rappresentano una vera parte di me e della mia vita : da un lato la voglia di evasione, dall’ altro il desiderio di ricominciare forse a vivere con un maggior impeto di libertà.  A dire il vero ho scritto i brani qualche anno fa: ma dentro di me essi non hanno mai smesso di essere presenti e attuali, in grado di emozionarmi con la stessa intensità che provo ora.   Ho pensato quindi di rielaborarli e offrirveli per vivere con leggerezza questa calda estate .

ARIA  è il lato A del single: ha un arrangiamento musicale  articolato e complesso ma che nell’ insieme risulta semplice e coinvolgente, in un fresco stile jazz  pop dance.

Parla di una donna che, senza farsi troppi problemi, decide di lasciare il suo moroso e ricostruirsi una vita da sola.  In realtà lei sta bene con se stessa e si rende conto che il taglio netto non è la classica e dolorosa rottura ma l’ inizio di una nuova avventura altrettanto piacevole e interessante.   E’ un brano  di luce da gustarsi in macchina  da soli, poichè vi darà una bella spinta per la giornata.

Ecco il testo:

Semplice,
come interrogarsi su chi è complice
di giorni già trascorsi e notti fragili.
Consapevolmente
sei nella mia mente
ma indifferentemente
scivola il pensiero di te.
Aria…
per fuggire VIA!

Libera
galleggiare densa come l’aria..
Dopo la tempesta
torna sempre
un giorno più sereno per provare
a liberarsi dalla nullità,

e ritrovarsi ancora dentro l’anima.
Senza più pensare
scendo quelle scale,
per ricominciare
forse un’altra vita senza te.

Cedere alla follia
e ripiombare giù?

Consapevolmente
riprendo la mia mente,
forse lentamente
ma tornerò padrona di me!

Via,via..ARIA!

Code: 1306025207066
Date Jun 2, 2013 6:58 PM UTC
License: All rights reserved

 

Il secondo brano, BLU, è un quadro molto realistico di una scena assolutamente estiva dal sapore un po’ retrò.  L’arrangiamento musicale è un purissimo jazz swing rielaborato in chiave moderna. E’ un brano venuto su dal cuore nel giro di pochi minuti mentre guardavo fuori dalla finestra, e rispecchia un pezzettino del mio reale vissuto.

 

Quanto sole stamattina,mentre bevo il mio caffè!
Dalla radio un’orchestrina suona musica Jazz.
Il mio gatto sul divano fa due fusa e salta giù
e mi sembra da lontano che il cielo e’ sempre più blu.
Prendo al volo l’occasione,
scendo senza fare colazione,forse dopo mi berrò un bel the.

Dentro al viale un imbranato non riesce a parcheggiar:
gira intorno all’isolato e non sa dove andar..
Sento il sole sulla pelle, quanta afa sale su,
la signora al primo piano ha già acceso la tv.
Ho deciso cosa fare,
un panino e me ne vado al mare.
Qualche ora e si faranno le tre.

Basta poco e son di fuoco,brucio tutta ma poi..passerà!
Quando nuoto tra le onde tutto il mondo si colora di felicità.
Ai problemi penserò domani,
passa in volo uno stormo di gabbiani,
ma tu guarda quanta gente che c’è
e sono appena le tre..
Non posso più restare,dovrei già essere a lavorare ma…
che l’ufficio se la sbrighi da se!

Code 1303124764124
Date Mar 12, 2013 5:36 PM UTC

I due brani del single LIBERA sono scritti interamente da me e sono INEDITI.  Potete ascoltarli GRATUITAMENTE sul mio sito e anche Acquistarli ad un prezzo lancio. Il pagamento è semplice, tramite PayPal e il download è immediato.

Vi sarei molto grata se acquistaste almeno una tra le mie numerosissime canzoni: dareste un valido aiuto al mio difficile lavoro di auto-produzione!  Fatelo sul mio sito con fiducia : non temete alcun virus, non sarete tartassati da alcuna newsletter e non vi sarà richiesto alcun abbonamento!   Ricordate inoltre che su patriziabarrera.com troverete molto materiale GRATUITO in FREE DOWNLOAD, e che potrete ascoltare tutta la mia musica senza limiti di tempo, magari comodamente sdraiati sotto l’ ombrellone. IL sito è facilmente visualizzabile anche su smartphone, da dove potrete accedere senza problemi  a tutte le altre applicazioni.

E se proprio non vi va di acquistare…beh, condividete il sito con i vostri amici e aiutatemi a farmi conoscere.  Sono un ‘ artista indipendente e il mio grande tesoro è il sostegno del  pubblico, che mi dà ogni giorno lo stimolo e la forza per  offrirvi contenuti sempre più interessanti e piacevoli.

Auguro a tutti Voi una serena estate, piena di cose belle e di buona musica.

Per ora godetevi il mio nuovo single LIBERA:   gustatevi il trailer.

A presto!

Annunci

Unforgettable, un’Amore oltre il tempo.

Unforgettable

Da sempre ” incollata” alla pelle del grande Nat King Cole, UNFORGETTABLE è forse la canzone d’amore più ascoltata ed interpretata di tutti i tempi. Eppure, al momento della sua nascita. nessuno avrebbe scommesso su di essa. Eh si, perchè il suo compositore Irving Gordon era meglio conosciuto per le sue canzoni comiche e per le parodie negli spettacoli Hollywoodiani! Benchè moltissimi brani risultassero leggeri e gradevoli, come ” Me,myself and I ” portato al grande pubblico da Billie Holiday” o ” Mama from the train ” registrato da Patti Page nessuna delle sue composizioni sembrava meritevole di salire nell’Olimpo delle evergreen.
Continua a leggere

Big Spender: spenniamo il pollo!

big spender

Scritta nel 1965 da Cy Coleman e Doroty Fields, Big Spender era solo una delle canzoni che facevano parte del Musical ” Sweet Charity” ,uno dei tanti del periodo d’oro di Broadway. Eppure il brano, portato al successo da Peggy Lee, si animò immediatamente di vita propria divenendo una delle canzoni più cantate ( e ricordate) dall’America degli anni ’60. Seducente e al contempo frizzante Big Spender piacque agli uomini per la sua natura sensuale e provocatoria ma anche alle donne, che scoprirono sotto le spoglie di una donna perduta un cuore tenero alla ricerca dell’amore.
Il musical fu uno dei rari casi in cui l’America si rifà ad un modello Italiano e precisamente ad un film di Fellini del 1957,
” Le notti di Cabiria “. La trama e il senso sono molto simili anche se, chiaramente, il musical si apre a momenti di allegria e di danza : si tratta della storia di una ballerina di night ( mentre nel film di Fellini è una prostituta) che malgrado le pessime esperienze che vive con gli uomini continua a credere all’amore e alla bellezza della vita. Big Spender riassume quindi in musica l’atteggiamento tipico della entreneuse, che ammalia e corteggia il maschio
allo scopo di fargli spendere quanti più soldi possibile.
Il testo è molto chiaro:

The minute you walked in the joint
I could see you were a man of distinction, a real big spender
Good looking, so refined
Say, wouldn’t you like to know what’s going on in my mind?
So let me get right to the point
I don’t pop my cork for every man I see
Hey big spender!
Spend a little time with me
Wouldn’t you like to have fun, fun, fun?
How’s about a few laughs, laughs?
I could show you a good time
Let me show you a good time

The minute you walked in the joint
I could see you were a man of distinction, a real big spender
Good looking, so refined
Say, wouldn’t you like to know what’s going on in my mind?
So let me get right to the point
I don’t pop my cork for every man I see
Hey big spender!
Hey big spender!
Hey big spender!
Spend a little time with me
Yes

SPENDACCIONE

nel momento in cui sei entrato nel locale,
ho notato come fossi un uomo distinto,
un vero Spendaccione,
piacente, cosi’ raffinato.
Di’, non vorresti sapere che succede nella mia mente?

Allora fammi arrivare subito al punto,
non stappo la mia bottiglia per ogni uomo che vedo.
hey! Spendaccione,
spendi con me un po’ del tuo tempo.

ti vuoi divertire? divertire? divertire?
che ne dici di qualche risata? risate? risate?
posso mostrarti come ci si diverte,
lascia che ti mostri come ci si diverte.

Ehi, spendaccione!
Passa un po’ di tempo con me!

Nel musical diretto da Bob Fosse la canzone era affidata al gruppo di ballerine ed era decisamente un jazz caldo di sicuro effetto dal tempo tipico dello strip tease. Ma il brano divenne celebre grazie all’interpretazione di Brenda Lee, già cara al grande pubblico per brani come ” Why don’you do it right? ” e ” Fever “. La sua versione è uno swing di facile ascolto che balzò in cima alle classifiche non solo Americane ma soprattutto Inglesi nel 1966. Il brano è gradevole ma perde parecchio della sua sensualità, in perfetto stile con la cantante acqua e sapone che piaceva a mamme e bambini.
Il brano riprende il suo smalto con Shirley Bassey l’anno dopo, con una interpretazione ” ruggente ” molto in linea con la tematica del musical.
Nel 1969 ci fu anche un riadattamento per il grande schermo con Shirley MacLaine nel ruolo di Charity e John McMartin nel ruolo del fidanzato- magnaccia Oscar, ma non passò alla storia.

Nella mia versione mi rifaccio a quella della Bassey ma abbandonando un po’ lo schema ritmico sincopato originale e ammorbidendone lo spessore. La mia intenzione era quella di esprimere l’atteggiamento studiato della ammaliatrice che, tra una carezza e l’altra, non perde di vista il principale obiettivo: spennare il pollo. Il risultato è un brano che mostra chiaramente l’indole ” da sirena tirannica ” del personaggio.

Ecco la celebre canzone nel musical SWEET CHARITY del 1966. Strepitosa!

E questa è la mia interpretazione.

Big Spender è uno dei brani che trovate IN ESCLUSIVA solo sul mio sito. E’ la novità di quest’anno: una serie di canzoni ( cover o inedite) create appositamente per chi mi segue e che quindi NON TROVATE IN COMMERCIO. Scaricate, condividete e divertitevi!

Blue Moon, la vera storia della canzone.

Blue Moon

Partorita dalla creatività di Richard Rodgers e Lorenz Hart, la canzone ha una storia abbastanza complessa.
I due autori lavoravano per la MGM da un mese quando, nel 1933, gli fu commissionato di scrivere una canzone per il film HOLLYWOOD PARTY, che aveva come protagonista la biondissima JEAN HARLOW. e che probabilmente sarebbe stato il film portante per un nuovo cartone della Disney. In origine si sarebbe trattato di un film strappalacrime, in cui l’attrice avrebbe dovuto impersonare una ragazzina di campagna che sognava, come poi sarebbe accaduto, di diventare una Star. Hart quindi iniziò la stesura del testo che più o meno recitava così:

“Oh Lord,
If you ain’t busy up there,
I ask for help with a prayer
So please don’t give me the air”

“Oh Signore,
Se non sei indaffarato lassù,
ascolta la mia preghiera
Quindi, per favore ,non mi scacciare.”
Continua a leggere

Patrizia Barrera album : Life is Jazz!

Ascolta QUI il mio album!

Patrizia Barrera album : Life is Jazz!.

Life is jazz! Patrizia Barrera

Il mio fiore all’occhiello, l’album che amo di più. Una raccolta jazz che ho deciso di registrare secondo le tecniche”antiche”, cioè dal vivo e senza modifiche. Ogni brano è cantato senza interruzioni e apposto direttamente nell’album. L’aiuto di veri musicisti live conferisce all’insieme un aspetto quasi tridimensionale. Ve lo consiglio caldamente!

E OGGI vi regalo una canzone in più!
La bellissima FEVER è stata aggiunta solo in seguito e come omaggio per tutti gli affezionati del mio sito.
Una promozione che trovate solo QUI!

Vi ho già parlato della necessità per un’artista di affrancarsi dalla schiavitù delle Major, che oggi monopolizzano l’intero mercato discografico. Per noi piccoli, che non possiamo godere di una promozione PIANIFICATA e STRUTTURATA l’unica speranza di farci notare nell’oceano del web è avere un rapporto diretto col nostro pubblico. Per questo vi chiedo caldamente di CONDIVIDERE QUESTO SITO e la MIA MUSICA e, se potete, di ACQUISTARE almeno una canzone sul mio negozio digitale.

Darete una mano alla mia autoproduzione e mi permetterete di continuare a offrirvi tante cose belle in più.

Basta UN DOLLARO e…saremo tutti più felici!

A presto!

FEVER! In regalo con l’album LIFE IS JAZZ!

Fever  Patrizia Barrera

Vi ho già presentato il mio album Life is Jazz! . Forse il mio album più bello e che, ancora oggi, non ha avuto molta fortuna. Sinceramente non mi spiego il perchè: probabilmente non siamo abituati al Jazz o forse la maggior parte di voi considera questo bellissimo genere musicale ” per pochi “, identificandolo con una matrice un po’ snob.
Continua a leggere

Summertime: una ninna nanna Evergreen.

mzi.ylsezqek.170x170-75

Famosissima,straconosciuta e una delle canzoni piu’ interpretate al mondo con le sue 2.500 incisioni ( e piu’),Summertime nasce da una profonda ricerca storica ed emotiva di due grandi autori del passato. Partorita dalla fervida immaginazione dello scrittore DuBose Heyward nel 1926,attrasse subito l’attenzione del mitico George Gershwin,da sempre appassionato di romanzi storici. Il romanzo narra di una lacrimosissima storia di una certa Bess che, in una delle tante comunita’ nere della South Carolina agli inizi del secolo era la donna di un boss del luogo,tale Crown,il quale finisce dentro per omicidio.
Continua a leggere