EXCLUSIVE!

valentine-gift-heart-animation

 

Cari Amici,

oggi patriziabarrera.com ha in serbo per Voi un invito che non potete rifiutare.

Due bellissimi album di Natale interpretati da Patrizia Barrera

Magic Christmas e Christmas Night ricchi delle Christmas Carols della tradizione Americana ad un prezzo Eccezionale!

Ma non basta! P er ogni album acquistato riceverete in REGALO con download immediato il libro Canzoni di Natale in Old America, dove potrete conoscere fatti, retroscena, gossip e particolari gustosi sugli Autori, gli interpreti e la storia delle Carols che andrete ad ascoltare!  Un ebook semplice e gradevole in pdf che potrete facilmente anche stampare..a prezzo ZERO!

E’ un ‘ ESCLUSIVA del sito patriziabarrera.com !

Sorgente: EXCLUSIVE!

Colori, in regalo per voi!

 

lake-140228_1920x

Cari Amici, oggi ho per voi una promozione davvero interessante. Colori , il mio primo libro di narrativa , una mini raccolta di racconti brevi di carattere introspettivo e surreale, è in Regalo per Voi! Basta acquistare ad un prezzo promozionale il mio album, Luci e Ombre – Inedite , per ottenere il libro in download immediato. L’ Album e il Libro seguono due linee di ispirazione molto simili. Luci e Ombre, in stile rock – blues con brani interamente firmati da me, mostra in musica gli aspetti belli e brutti della vita. Colori ne offre le suggestioni più profonde, quelle che partono dall’ Anima e vanno oltre la realtà. Entrambi si completano a vicenda, per un’esperienza globale all’avanguardia che possa unire musica e scrittura. Un esperimento nuovo di cui potete usufruire per ora SOLO sul mio sito ufficiale. Colori infatti non è in vendita sulle librerie, almeno non ancora. Affrettatevi dunque, perchè l’ offerta lancio scade ai primi di novembre 2016! Buon Divertimento!

Sorgente: Colori, in regalo per voi!

Regalati un libro!

 

 

Blue devil Blues mind

CLICCA sulla foto e vai all’album

Salve , Cari Amici.

E’ un po’ che non ci sentiamo ma sto preparando tante novità per Voi!

Innanzitutto ho appena pubblicato un single,LIBERA, che vi invito ad ascoltare e ad acquistare sul mio sito. Si tratta di due brani in un inconfondibile stile Jazz-Pop e dal testo leggero che non vi farà rimpiangere l’ estate appena terminata.  A breve uscirà anche un nuovo disco..quindi mantenetevi caldi!

Ma oggi voglio regalare a tutti coloro che mi seguono un libro.  Si tratta di uno di quelli scritti da me che vi sarà regalato unitamente all’acquisto del mio album più gettonato, Blue Devil Blues Mind, una raccolta cult di brani in stile blues della tradizione Americana.  L’album comprende ben 12 cover e vi permetterà di spaziare tra stili e generi musicali diversi ma con una radice comune : il Blues. Ecco l’elenco completo dei brani con qualche nota aggiuntiva .

Rising Sun Blues è il titolo originale del famoso brano The house of Rising Sun portato alla ribalta dagli Animals. La storia della canzone potete leggerla qui. La cover è molto diversa dall’ originale, soprattutto grazie all’ arrangiamento basato su pianoforte e tastiera che trovo strepitoso!  Il mio approccio al famoso brano è al femminile con testo adattato: piuttosto che di un uomo perduto perchè dedito al gioco e all’ alcool qui la protagonista è una ” colomba sporca ” ( una prostituta ) fuggita di casa per ansia di libertà e poi finita in un bordello.  Un brano dolce e struggente che vi consiglio di ascoltare.

Knock on Wood è un brano molto legato alla tradizione ” magica ” del blues degli anni ’40, quando la malìa dell’amore era ancora interpretata come ” fascinazione magica “.La versione che ho scelto è quella di Eddie Floyd del 1966, perchè la trovo molto più aderente al testo e al significato originale. L’approccio , bellissimo, di Otis Redding dello stesso anno e quello di Wilson Pickett di qualche anno dopo li trovo un po’ troppo tecnici e fuori tema. Qui il soggetto è l’amore che ” strega ” l’ individuo, il quale malgrado tenti di liberarsi tuttavia non può resistervi.  Una nota: per favore non paragonate questa versione con quella di Amii Stewart che trovo  bella e forte ma…decisamente fuori tema!

Altrettanto magica è Ain’t No Sunshine di Bill Whiters, una cover che ho interpretato in originale perchè a mio avviso è talmente struggente e bellissima che non c’era nulla da aggiungere o da togliere. La storia dell’amore perduto e della conseguente mancanza di luce nella propria vita potrebbe essere un tema ormai inflazionato, ma Whiters riesce a trattare l’ insieme con una dolcezza e una musicalità impareggiabili.  Da ascoltare assolutamente!

Mustang Sally è una canzone talmente conosciuta che c’è poco da aggiungere. Qui il blues con venature sex cattura l’attenzione più col ritmo che con il testo , ed è sicuramente un brano ” che arriva “. La versione che ho scelto è quella di Wilson Pickett.. con i suoi coretti divertenti!

Che dire di Georgia on my mind?  Qui si entra nella storia  del rhytm’n blues, e il paragone con il mio maestro spirituale Ray Charles è impossibile! Ho cercato di mantenere nella mia interpretazione un approccio musicalmente simile , anche se con sfumature jazz, ma sentimentalmente parlando ci ho messo del mio in una versione che in tal modo si discosta parecchio dall’ originale. Mi metto in un angolino e accetto le critiche..ma , credetemi, non potevo non cantare un brano tanto speciale!  Qui trovate anche la vera storia della canzone.

Sexy, dal senso ermetico e musicalmente accattivante è Come Together, un brano dei Beatles dalla storia molto particolare che vi invito a leggere Qui. La mia versione accentua i lati sexy o dal duplice senso del testo, che resta comunque di ambigua interpretazione.

E qui veniamo al vero cult della tradizione Americana!  Il compianto Otis Redding dà il meglio di se’in  Sitting on the dock of the bay, un brano scritto pochi giorni prima della sua prematura ( e ancora strana ) morte e che si trascina dietro un’ amara vicenda che vi invito a leggere Qui. Non nascondo che la mia interpretazione si discosta moltissimo dall’originale che, per il testo e il senso, a mio parere era un po’ troppo ” moderata “. Vi ho aggiunto dei tratti rock che spero non vi dispiaceranno, e non ho resistito ad un approccio maggiormente struggente rispetto all’ originale.

Brano mitico della tradizione blues-soul   You make me feel ( like a natural women) è un brano talmente plastico da resistere a stili e interpretazioni davvero diverse tra di loro! Con i capelli ritti sulla testa ne ho ascoltato versioni metal, tecno e reggae che non gli rendono giustizia, ma che tuttavia non riescono ad ucciderlo. La versione che ho scelto è quella di Celine Dion, anche se la mia preferita resta quella, difficilissima, di Aretha Franklin.

Il compianto B.B. King ci lascia un ricordo eccezionale con The thrill is gone, un brano ormai entrato di diritto nella storia del Blues-Rock e ancora gettonatissimo nelle sale quanto alle radio. Malinconico, rabbioso e struggente il brano è legatissimo alla magica voce dell’artista , che non è riproducibile. Ho provato a interpretarla in punta di piedi lasciando inalterato il senso e l’arrangiamento originali.

Non eccessivamente conosciuto in Italia  il bel brano di Gary Moore, Still got the Blues, che non passa certo inosservato. La mia versione è sicuramente diversa da quella originale, dichiaratamente blues-rock. Io preferisco insistere sulla musicalità dell’arrangiamento e sulla nostalgia del testo che riporta ad una vecchissima interpretazione del blues visto come àncora di salvezza nei casi di amore finito. Qui il termine blues è ambiguo ma riconducibile alla tristezza che accompagna il protagonista piuttosto che al genere musicale di riferimento. Per un purista questo brano rispecchia moltissimo la vera anima del blues originario, sia per l’ arrangiamento che per il testo.

Dal taglio modernissimo Warwick Avenue tuttavia strizza l’occhio alla tradizione del blues, sia per il testo  ( non nuovissimo) sia per l’arrangiamento. Duffy mi piace molto e ho voluto omaggiarla con questa cover non troppo diversa dall’originale.

E come potevo non inserire in un album che racchiude pezzi cult della tradizione blues Americana anche Proud Mary?  Non c’è band che non ne abbia fatto una cover e non c’è artista che non abbia provato a dire la sua su questo brano che ha fatto storia e che ha creato un vero caos tra le migliaia di interpretazioni, a volte tali da far accapponare la pelle! Ci ho provato anch’io, con un arrangiamento originale Tina Turner- Ike e gli strepitosi coretti di accompagnamento.  E devo confessare che mi sono divertita moltissimo a interpretarlo!

Guarda cosa  ti offre il mio sito!

 

Ora, senza peli sulla lingua, l’album Blue Devil Blues Mind è bellissimo e ben fatto. Malgrado sia stato pubblicato un po’ di anni fa tuttavia è ancora in cima alle classifiche tra le mie vendite, piazzandosi come quello più ascoltato e acquistato.

Per ringraziare tutti Voi ho pensato quindi di aggiungere un omaggio che mi auguro vi piacerà. Si tratta di uno dei miei libri, e precisamente Robert Johnson Figlio del Diavolo, il cui tema biografico ben si abbina al senso generale dell’album.

Il libro è frutto di una ricerca durata più di 8 mesi e che mi ha permesso di svelare retroscena sorprendenti della vita dell’artista, scomparso in circostanze misteriose  a soli 27 anni.  Gli studiosi si interrogano ancora oggi sulle modalità della sua morte, che risulta oscura e poco chiara. Io ve ne dò una mia interpretazione, legata a documenti, interviste e manoscritti che cito anche nelle fonti. Vi invito a leggere il libro, che è scritto in modo semplice e scorrevolissimo, adatto anche a chi è completamente a digiuno della materia. Vi commuoverete, vi indignerete e infine vi spaventerete quando giungerete alla conclusione che non c’è diavolo peggiore nella vita dell’ ipocrisia e del fanatismo religioso.

Il libro è in REGALO per tutti coloro che acquisteranno l’album Blue Devil Blues Mind direttamente dal mio sito. Il download è immediato, il prezzo amichevole e il pagamento semplicissimo anche con PayPal.

Attendo i vostri commenti e anche le vostre recensioni. Belle o brutte per me sono importanti tutte!

Noi ci sentiamo presto. Un abbraccio !

patriziabarrera.com

Ciao!

 

 

 

Buona Pasqua da                                                      patriziabarrera.com!

No More Blue in REGALO!

Una dolcissima canzone tratta dall’album ITALIAN BLUES che potrete SCARICARE GRATIS!
Il mio regalo personale di BUONA PASQUA per tutti coloro che mi seguono.

SCARICA GRATIS la canzone intera!

Buona Pasqua da                                                      patriziabarrera.com!.

Il Tempo di Morire ( promo ) dall’album ITALIAN BLUES – YouTube

Il Tempo di Morire ( promo ) dall'album ITALIAN BLUES – YouTube.

Ti piace il Blues? Allora non perdere ITALIAN BLUES, il nuovo album di Patrizia Barrera!
Ascoltalo per intero sul sito ufficiale dell’artista.
E se acquisterai l’album BLUE DEVIL BLUES MIND, al prezzo di soli 5 euro, riceverai automaticamente ITALIAN BLUES in REGALO!
E’ un’esclusiva patriziabarrera.com

Icona Youtube patrizia barrera

Iscriviti al mio canale Youtube. Sostieni il mio lavoro.

Il Natale? Te lo regala patriziabarrera.com!

Natale? Te lo regala patriziabarrera.com!

Cari Amici, ancora una volta patriziabarrera.com vi regala dei libri che vi terranno compagnia durante queste Feste di Natale. E, per la prima volta, non saranno legati esclusivamente alla Old America ma avranno un respiro più ampio, in modo da soddisfare i desideri di tutti. Vi ricordo che sono libri di Dominio Pubblico oppure offerti gentilmente dagli Autori, quindi potrete scaricarli, stamparli, regalarli o proporli ex novo sui vostri blog. Lasciamo che la Cultura giri liberamente sul web, il regalo di Natale più bello!
Cliccate sulle foto e scaricateli GRATIS e senza paura dal mio sito.

canto di Natale - Dickens

Come poteva mancare la meravigliosa e immortale favola di Charles Dickens, che da sempre appassiona grandi e piccini? Un buon modo per iniziare questo Natale riflettendo sulla bellezza di quanta Vita abbiamo tra le mani, un’occasione in più per riflettere sul nostro operato senza retorica…e con un pizzico di Magia! IN ITALIANO.

Spartiti di Natale

Ma Natale è anche Musica: ecco quindi un delizioso ebook zeppo di spartiti musicali legati ad un Natale evergreen, da suonare e cantare da soli , con gli amici o magari in compagnia dei vostri bambini. Per non perdere la meraviglia della Tradizione! E non temete: gli spartiti sono scritti in modo semplice semplice, quindi basta anche la sola infarinatura di musica per poterli leggere! In ITALIANO.

Homemade Christmas

Decorazioni, ghirlande,ornamenti Natalizi: basta acquistarli, facciamo tutto da soli! Una moda , quella dell’Homemade, che sta selvaggiamente imperversando sul web e che ormai invade ogni casa! Se è un effetto della crisi ben venga l’abitudine di allestire la casa per il Natale con decorazioni fatte con le nostre mani e da personalizzare, per farci o fare un regalo di Natale ESCLUSIVO!
Si tratta di un ebook delizioso,scritto in LINGUA INLESE, ma ricco di foto talmente esplicative che seguire le indicazioni sarà uno scherzo!
Adatto veramente a tutti: a chi SA FARE, e a chi NON SI E’ MAI CIMENTATO in queste cose. Da non perdere!

natale in noir

Un libro che va per la maggiore e che sicuramente conferisce alla tradizione Natalizia un sapore del tutto particolare. Stanchi delle solite favole? Vi piace leggere qualcosa di nuovo che tuttavia vi riporta con alla magica atmosfera che stiamo vivendo in questi giorni? Vi va di farvi solleticare da un pizzico di brivido? Allora ecco il bellissimo Natale in noir, tanti nuovi racconti all’insegna del thriller scritti da Autori Italiani e non solo.
Godibilissimo e chiaramente…IN ITALIANO!

Favole di Natale

E terminiamo con una bellissima raccolta delle Fiabe di Natale senza tempo e senza età, per i nostalgici di un’infanzia passata – ahimè! – troppo in fretta e che magari desiderano comunicare ai propri bambini il fascino e la Magia di un Natale che non c’è più. Gli Autori ci sono tutti, da Andersen in poi, ma vi assicuro che tra le favole straconosciute presenti in questo ebook ce ne sono alcune particolari e meno famose che vi farà piacere conoscere. Bellissimo!

Il fascino del Natale è presente anche e soprattutto nella musica che lo accompagna. Ecco allora MAGIC CHRISTMAS, una gradevole raccolta di Canzoni di Natale legate alla Old America ma non solo, interpretate da me e che mi auguro possa allietare queste suggestive festività. Sono 13 canzoni divertenti e magiche che potrete trovare SOLO SUL MIO SITO! Un regalo ESCLUSIVO per i veri intenditori a un prezzo piccolo piccolo. Non vi va di acquistarlo? Ascoltatelo GRATIS sul mio sito : scivolerà leggero nel vostro cuore.

Magic Christmas patrizia Barrera

Un Natale gradevole e leggero?
Acquista il mio album MAGIC CHRISTMAS,
13 belle canzoni legate alla tradizione Natalizia.

E se vuoi leggere la storia delle canzoni di Natale più famose della old America clicca qui!

Natale in Blu Patrizia Barrera

Ma se vuoi riflettere e volare più in alto ecco il mio nuovo single
NATALE IN BLU, due nuove Inedite come il Natale che rappresentano. Per riflettere senza retorica e dare il giusto valore a ciò che viviamo.

Che dire? Siate felici e godetevi il Natale in salute, amore e compagnia.
AUGURI!

Have you ever seen the rain? Uno struggente ADDIO.

Have you ever seen the rain?

E’ uno dei brani più malinconici ed emblematici dei
Creedence Clearwater Revival spesso malamente interpretato dai media e dalla critica come una velata protesta nei confronti della Guerra del Vietnam e canzone di appoggio ai numerosi Movimenti pacifisti dell’epoca.
In realtà non fu affatto così: come sottolineato dallo stesso John Fogerty nelle sue ultime interviste e spesso rilevato anche dal suo sito ufficiale, il brano nasce dalla triste considerazione della fine della Band che nel 1970, al culmine della sua popolarità, era minata all’interno da aspri contrasti. Colonna portante del loro ultimo album insieme, ” Pendolum “, Have you ever seen the rain? ” è l’espressione più pura del cantautorato di Fogerty, e racchiude nel testo l’amara consapevolezza di un bel periodo che sta per finire malgrado la sua accorata speranza che ciò non accada. Dopo la pubblicazione dell’album, infatti, e l’allontanamento dal gruppo del fratello Tom , Fogerty sembrò perdere la sua creatività e auspicare la rottura definitiva della band.

Creedence Clearwater Revival

Ecco la band al completo nel 1970. Da sinistra: Tom Fogerty, Stu Cook e Doug Clifford. In basso John Fogerty, ” Sunny Day “
( Raggio di Sole)

Fu un vero peccato. Amici dal liceo e forse emblema vivente di quel di Woodstock e dell’atmosfera avida di cambiamento storico i quattro musicisti aprirono dichiaratamente le porte all’epoca del rock, operando un’indolore passaggio dal blues e dal rock’n roll secondo modalità nuove eall’epoca pionieristiche. Tra i gruppi proto-rock del periodo fine ’60 inizi ’70 forse fu il migliore. Mia opinione personale e che si presta sicuramente a critiche.
Spesso infatti si è insinuato che i Creedence lavorassero esclusivamente sulle cover di vent’anni prima e che, tranne che per l’album Pendolo, in realtà non portassero nulla di nuovo. E’ indubbio che la band risentisse dell’influenza di Bo Diddley e di Chuck Berry nell’epoca d’oro del blues elettrico, artisti da cui gli stessi Clapton e Rolling Stones non poterono prescindere. Tuttavia cià che distingue i Creedence è ” il modo di suonare le cover” che non è paragonabile a quello di nessun altro “prima ” o ” durante ” il loro perido di auge e che non fu neanche ” scopiazzato ” in seguito , vista la difficoltà ritimica reale che si autoimponevano unita ad una timbrica vocale ruvida e di sicuro effetto. Rispetto agli insigni colleghi del periodo
( I Jefferson Airplane, i Doors, i Beach Boys solo per dirne alcuni) i Creedence rimangono nell’atmosfera del Blues Folk a cui concedono giusto un assaggio di quel rock che era nell’aria, e che interpretano NON come rimescolanza di stili bensì come “reinterpretazione” di una nostalgia musicale che ancora permeava l’America. Da qui l’appellativo REVIVAL del nome,che suggerisce la giusta interpretazione della loro musica.

Creedence Clearwater logo

Ecco il famoso logo dei Creedence. Molto ispirato all’iconografia classica dei Beatles, si dice.

I quattro artisti ( John Fogerty alla voce e chitarra solista, il fratello Tom alla chitarra ritmica, Stu Cook al basso e Doug Clifford alla batteria) sfornano ben 5 album in tre anni che siglano un successo apparentemente anacronistico vista la nascita della rivoluzione psichedelica e di tutti quegli eccessi che condurranno gli anni ’70 all’hard rock e al metal. La loro musica è un mix di Blues-Rock e Folk difficile da etichettare e che proprio per questo incarna alla perfezione l’anima del rock.
Have you ever seen the rain? è il brano che più di ogni altro apre il gruppo ( che stava per defungere) al pop-country e che getta un’ombra malinconica sul precedente brano ” Who’ll stop the rain” di 2 anni prima. Ecco il testo:

Someone told me long ago
There’s a calm before the storm,
I know; it’s been comin’ for some time.
When it’s over, so they say,
It’ll rain a sunny day,
I know; shinin’ down like water.

[Chorus:]
I want to know, have you ever seen the rain?
I want to know, have you ever seen the rain
Comin’ down on a sunny day?

Yesterday, and days before,
Sun is cold and rain is hard,
I know; been that way for all my time.
‘Til forever, on it goes
Through the circle, fast and slow,
I know; it can’t stop, I wonder.

Ascolta la mia musica e se puoi acquista una delle mie canzoni.

Patrizia Barrera

Ascolta la mia musica


BASTA UN DOLLARO!

HAI MAI VISTO LA PIOGGIA?

Qualcuno mi ha detto tempo fa che
c’è la calma prima della tempesta,
Lo so; è andata così varie volte.
Dicono anche che quando smette di piovere,
tornerà a splendere il sole.
Lo so; brillerà come acqua.

[Chorus:]
Voglio sapere, hai mai visto la pioggia?
Voglio sapere, hai mai visto la pioggia
cadere in una giornata di sole?

Ieri, e anche qualche giorno prima.
il sole era freddo e la pioggia incessante
Lo so; è stato così per tutta la mia vita..
E sarà sempre così come in un circolo continuo,
a volte velocemente a volte lentamente.
Lo so; mi chiedo se tutto ciò possa mai avere fine.

Have you ever seen the rain

Ecco la copertina del single del 1972. L’immagine è psichedelica e sembra gridare la fine del gruppo, con immagini sfocate e velate di rosso che turbano un po’. Fu l’ultimo disco dei Creedence. Il loro sesto album ” MARDI GRAS ” scritto un po’ da tutti non li rappresenta affatto e, se si può, danneggia la stessa band.

Il brano è suggestivo e cosparso di tocchi ritmici che danno l’idea della pioggia incessante soprattutto nella pausa strumentale. Originariamente inziava con un tipico ronzio accentuato dall’entrare in scena degli strumenti, mentre la lunga dissolvenza di ben mezzo minuto sembra confermare l’immagine della pioggia che non smette e che arriva emotivamente all’ascoltatore.
E’ il brano più rappresentativo di Fogerty come individuo e non come autore del gruppo: musicalmente prende spunto dalla famosa
” Green Onions ” di Booker T. Jones, rappresentato particolarmente nell’ombreggiatura di tastiera scritta a quattro mani con Stu Cook. Lato B di un single che presenta anche il brano ” Hey tonight ” sembra un tiepido tentativo di confortare il gruppo sul futuro della band, anche se lo stesso autore nel corso degli anni fornisce interpretazioni discordanti, a volte animate da un sostanzioso ottimismo a volte ridondanti di nostalgia. La più attendibile sembra quella intima e personale fornita dallo stesso Fogerty che afferma
” che il brano era un po’ dedicato a me stesso e alla mia vita”. Non a caso il ripetersi delle parole ” Sunny Day “, che era il nomignolo affettuoso con cui la band lo appellava nei tempi d’oro del successo.
Molte le cover famose: da Bonnie Taylor che ne fa un brano campione d’incassi nel 1983 a Boney M. ai REM che aprironocon questo brano un fortunato concerto in cui…pioveva a dirotto! Strafamosa la cover di Rod Stewart nel 2006 racchiusa nell’album
” Great Rock Classic of our time”. (appunto!)
Fogerty stesso l’ha poi ri-registrata con accenti ” dannatamente old ” nel 2005 in un live al Teatro Wiltern di Los Angeles. e racchiusa poi nell’album ,che è quasi un testamento , dal nome indicativo
” The Long Road Home “. Da ascoltare!


Ecco il brano originale contenuto nell’album PENDULUM.


E questa è la mia interpretazione in una cover che OFFRO GRATUITAMENTE a tutti coloro che mi seguono. SCARICALA ANCHE TU!