Colori, in regalo per voi!

 

lake-140228_1920x

Cari Amici, oggi ho per voi una promozione davvero interessante. Colori , il mio primo libro di narrativa , una mini raccolta di racconti brevi di carattere introspettivo e surreale, è in Regalo per Voi! Basta acquistare ad un prezzo promozionale il mio album, Luci e Ombre – Inedite , per ottenere il libro in download immediato. L’ Album e il Libro seguono due linee di ispirazione molto simili. Luci e Ombre, in stile rock – blues con brani interamente firmati da me, mostra in musica gli aspetti belli e brutti della vita. Colori ne offre le suggestioni più profonde, quelle che partono dall’ Anima e vanno oltre la realtà. Entrambi si completano a vicenda, per un’esperienza globale all’avanguardia che possa unire musica e scrittura. Un esperimento nuovo di cui potete usufruire per ora SOLO sul mio sito ufficiale. Colori infatti non è in vendita sulle librerie, almeno non ancora. Affrettatevi dunque, perchè l’ offerta lancio scade ai primi di novembre 2016! Buon Divertimento!

Sorgente: Colori, in regalo per voi!

Regalati un libro!

 

 

Blue devil Blues mind

CLICCA sulla foto e vai all’album

Salve , Cari Amici.

E’ un po’ che non ci sentiamo ma sto preparando tante novità per Voi!

Innanzitutto ho appena pubblicato un single,LIBERA, che vi invito ad ascoltare e ad acquistare sul mio sito. Si tratta di due brani in un inconfondibile stile Jazz-Pop e dal testo leggero che non vi farà rimpiangere l’ estate appena terminata.  A breve uscirà anche un nuovo disco..quindi mantenetevi caldi!

Ma oggi voglio regalare a tutti coloro che mi seguono un libro.  Si tratta di uno di quelli scritti da me che vi sarà regalato unitamente all’acquisto del mio album più gettonato, Blue Devil Blues Mind, una raccolta cult di brani in stile blues della tradizione Americana.  L’album comprende ben 12 cover e vi permetterà di spaziare tra stili e generi musicali diversi ma con una radice comune : il Blues. Ecco l’elenco completo dei brani con qualche nota aggiuntiva .

Rising Sun Blues è il titolo originale del famoso brano The house of Rising Sun portato alla ribalta dagli Animals. La storia della canzone potete leggerla qui. La cover è molto diversa dall’ originale, soprattutto grazie all’ arrangiamento basato su pianoforte e tastiera che trovo strepitoso!  Il mio approccio al famoso brano è al femminile con testo adattato: piuttosto che di un uomo perduto perchè dedito al gioco e all’ alcool qui la protagonista è una ” colomba sporca ” ( una prostituta ) fuggita di casa per ansia di libertà e poi finita in un bordello.  Un brano dolce e struggente che vi consiglio di ascoltare.

Knock on Wood è un brano molto legato alla tradizione ” magica ” del blues degli anni ’40, quando la malìa dell’amore era ancora interpretata come ” fascinazione magica “.La versione che ho scelto è quella di Eddie Floyd del 1966, perchè la trovo molto più aderente al testo e al significato originale. L’approccio , bellissimo, di Otis Redding dello stesso anno e quello di Wilson Pickett di qualche anno dopo li trovo un po’ troppo tecnici e fuori tema. Qui il soggetto è l’amore che ” strega ” l’ individuo, il quale malgrado tenti di liberarsi tuttavia non può resistervi.  Una nota: per favore non paragonate questa versione con quella di Amii Stewart che trovo  bella e forte ma…decisamente fuori tema!

Altrettanto magica è Ain’t No Sunshine di Bill Whiters, una cover che ho interpretato in originale perchè a mio avviso è talmente struggente e bellissima che non c’era nulla da aggiungere o da togliere. La storia dell’amore perduto e della conseguente mancanza di luce nella propria vita potrebbe essere un tema ormai inflazionato, ma Whiters riesce a trattare l’ insieme con una dolcezza e una musicalità impareggiabili.  Da ascoltare assolutamente!

Mustang Sally è una canzone talmente conosciuta che c’è poco da aggiungere. Qui il blues con venature sex cattura l’attenzione più col ritmo che con il testo , ed è sicuramente un brano ” che arriva “. La versione che ho scelto è quella di Wilson Pickett.. con i suoi coretti divertenti!

Che dire di Georgia on my mind?  Qui si entra nella storia  del rhytm’n blues, e il paragone con il mio maestro spirituale Ray Charles è impossibile! Ho cercato di mantenere nella mia interpretazione un approccio musicalmente simile , anche se con sfumature jazz, ma sentimentalmente parlando ci ho messo del mio in una versione che in tal modo si discosta parecchio dall’ originale. Mi metto in un angolino e accetto le critiche..ma , credetemi, non potevo non cantare un brano tanto speciale!  Qui trovate anche la vera storia della canzone.

Sexy, dal senso ermetico e musicalmente accattivante è Come Together, un brano dei Beatles dalla storia molto particolare che vi invito a leggere Qui. La mia versione accentua i lati sexy o dal duplice senso del testo, che resta comunque di ambigua interpretazione.

E qui veniamo al vero cult della tradizione Americana!  Il compianto Otis Redding dà il meglio di se’in  Sitting on the dock of the bay, un brano scritto pochi giorni prima della sua prematura ( e ancora strana ) morte e che si trascina dietro un’ amara vicenda che vi invito a leggere Qui. Non nascondo che la mia interpretazione si discosta moltissimo dall’originale che, per il testo e il senso, a mio parere era un po’ troppo ” moderata “. Vi ho aggiunto dei tratti rock che spero non vi dispiaceranno, e non ho resistito ad un approccio maggiormente struggente rispetto all’ originale.

Brano mitico della tradizione blues-soul   You make me feel ( like a natural women) è un brano talmente plastico da resistere a stili e interpretazioni davvero diverse tra di loro! Con i capelli ritti sulla testa ne ho ascoltato versioni metal, tecno e reggae che non gli rendono giustizia, ma che tuttavia non riescono ad ucciderlo. La versione che ho scelto è quella di Celine Dion, anche se la mia preferita resta quella, difficilissima, di Aretha Franklin.

Il compianto B.B. King ci lascia un ricordo eccezionale con The thrill is gone, un brano ormai entrato di diritto nella storia del Blues-Rock e ancora gettonatissimo nelle sale quanto alle radio. Malinconico, rabbioso e struggente il brano è legatissimo alla magica voce dell’artista , che non è riproducibile. Ho provato a interpretarla in punta di piedi lasciando inalterato il senso e l’arrangiamento originali.

Non eccessivamente conosciuto in Italia  il bel brano di Gary Moore, Still got the Blues, che non passa certo inosservato. La mia versione è sicuramente diversa da quella originale, dichiaratamente blues-rock. Io preferisco insistere sulla musicalità dell’arrangiamento e sulla nostalgia del testo che riporta ad una vecchissima interpretazione del blues visto come àncora di salvezza nei casi di amore finito. Qui il termine blues è ambiguo ma riconducibile alla tristezza che accompagna il protagonista piuttosto che al genere musicale di riferimento. Per un purista questo brano rispecchia moltissimo la vera anima del blues originario, sia per l’ arrangiamento che per il testo.

Dal taglio modernissimo Warwick Avenue tuttavia strizza l’occhio alla tradizione del blues, sia per il testo  ( non nuovissimo) sia per l’arrangiamento. Duffy mi piace molto e ho voluto omaggiarla con questa cover non troppo diversa dall’originale.

E come potevo non inserire in un album che racchiude pezzi cult della tradizione blues Americana anche Proud Mary?  Non c’è band che non ne abbia fatto una cover e non c’è artista che non abbia provato a dire la sua su questo brano che ha fatto storia e che ha creato un vero caos tra le migliaia di interpretazioni, a volte tali da far accapponare la pelle! Ci ho provato anch’io, con un arrangiamento originale Tina Turner- Ike e gli strepitosi coretti di accompagnamento.  E devo confessare che mi sono divertita moltissimo a interpretarlo!

Guarda cosa  ti offre il mio sito!

 

Ora, senza peli sulla lingua, l’album Blue Devil Blues Mind è bellissimo e ben fatto. Malgrado sia stato pubblicato un po’ di anni fa tuttavia è ancora in cima alle classifiche tra le mie vendite, piazzandosi come quello più ascoltato e acquistato.

Per ringraziare tutti Voi ho pensato quindi di aggiungere un omaggio che mi auguro vi piacerà. Si tratta di uno dei miei libri, e precisamente Robert Johnson Figlio del Diavolo, il cui tema biografico ben si abbina al senso generale dell’album.

Il libro è frutto di una ricerca durata più di 8 mesi e che mi ha permesso di svelare retroscena sorprendenti della vita dell’artista, scomparso in circostanze misteriose  a soli 27 anni.  Gli studiosi si interrogano ancora oggi sulle modalità della sua morte, che risulta oscura e poco chiara. Io ve ne dò una mia interpretazione, legata a documenti, interviste e manoscritti che cito anche nelle fonti. Vi invito a leggere il libro, che è scritto in modo semplice e scorrevolissimo, adatto anche a chi è completamente a digiuno della materia. Vi commuoverete, vi indignerete e infine vi spaventerete quando giungerete alla conclusione che non c’è diavolo peggiore nella vita dell’ ipocrisia e del fanatismo religioso.

Il libro è in REGALO per tutti coloro che acquisteranno l’album Blue Devil Blues Mind direttamente dal mio sito. Il download è immediato, il prezzo amichevole e il pagamento semplicissimo anche con PayPal.

Attendo i vostri commenti e anche le vostre recensioni. Belle o brutte per me sono importanti tutte!

Noi ci sentiamo presto. Un abbraccio !

patriziabarrera.com

Ciao!

 

 

 

LIBERA, il nuovo single di Patrizia Barrera

Libera 4

 

Cari Amici,

eccomi a Voi con un nuovo single davvero carino, due brani inediti in uno stile pop jazz e jazz swing semplice e gradevole.

Si tratta di due canzoni dal sapore estivo con testi accattivanti che rappresentano una vera parte di me e della mia vita : da un lato la voglia di evasione, dall’ altro il desiderio di ricominciare forse a vivere con un maggior impeto di libertà.  A dire il vero ho scritto i brani qualche anno fa: ma dentro di me essi non hanno mai smesso di essere presenti e attuali, in grado di emozionarmi con la stessa intensità che provo ora.   Ho pensato quindi di rielaborarli e offrirveli per vivere con leggerezza questa calda estate .

ARIA  è il lato A del single: ha un arrangiamento musicale  articolato e complesso ma che nell’ insieme risulta semplice e coinvolgente, in un fresco stile jazz  pop dance.

Parla di una donna che, senza farsi troppi problemi, decide di lasciare il suo moroso e ricostruirsi una vita da sola.  In realtà lei sta bene con se stessa e si rende conto che il taglio netto non è la classica e dolorosa rottura ma l’ inizio di una nuova avventura altrettanto piacevole e interessante.   E’ un brano  di luce da gustarsi in macchina  da soli, poichè vi darà una bella spinta per la giornata.

Ecco il testo:

Semplice,
come interrogarsi su chi è complice
di giorni già trascorsi e notti fragili.
Consapevolmente
sei nella mia mente
ma indifferentemente
scivola il pensiero di te.
Aria…
per fuggire VIA!

Libera
galleggiare densa come l’aria..
Dopo la tempesta
torna sempre
un giorno più sereno per provare
a liberarsi dalla nullità,

e ritrovarsi ancora dentro l’anima.
Senza più pensare
scendo quelle scale,
per ricominciare
forse un’altra vita senza te.

Cedere alla follia
e ripiombare giù?

Consapevolmente
riprendo la mia mente,
forse lentamente
ma tornerò padrona di me!

Via,via..ARIA!

Code: 1306025207066
Date Jun 2, 2013 6:58 PM UTC
License: All rights reserved

 

Il secondo brano, BLU, è un quadro molto realistico di una scena assolutamente estiva dal sapore un po’ retrò.  L’arrangiamento musicale è un purissimo jazz swing rielaborato in chiave moderna. E’ un brano venuto su dal cuore nel giro di pochi minuti mentre guardavo fuori dalla finestra, e rispecchia un pezzettino del mio reale vissuto.

 

Quanto sole stamattina,mentre bevo il mio caffè!
Dalla radio un’orchestrina suona musica Jazz.
Il mio gatto sul divano fa due fusa e salta giù
e mi sembra da lontano che il cielo e’ sempre più blu.
Prendo al volo l’occasione,
scendo senza fare colazione,forse dopo mi berrò un bel the.

Dentro al viale un imbranato non riesce a parcheggiar:
gira intorno all’isolato e non sa dove andar..
Sento il sole sulla pelle, quanta afa sale su,
la signora al primo piano ha già acceso la tv.
Ho deciso cosa fare,
un panino e me ne vado al mare.
Qualche ora e si faranno le tre.

Basta poco e son di fuoco,brucio tutta ma poi..passerà!
Quando nuoto tra le onde tutto il mondo si colora di felicità.
Ai problemi penserò domani,
passa in volo uno stormo di gabbiani,
ma tu guarda quanta gente che c’è
e sono appena le tre..
Non posso più restare,dovrei già essere a lavorare ma…
che l’ufficio se la sbrighi da se!

Code 1303124764124
Date Mar 12, 2013 5:36 PM UTC

I due brani del single LIBERA sono scritti interamente da me e sono INEDITI.  Potete ascoltarli GRATUITAMENTE sul mio sito e anche Acquistarli ad un prezzo lancio. Il pagamento è semplice, tramite PayPal e il download è immediato.

Vi sarei molto grata se acquistaste almeno una tra le mie numerosissime canzoni: dareste un valido aiuto al mio difficile lavoro di auto-produzione!  Fatelo sul mio sito con fiducia : non temete alcun virus, non sarete tartassati da alcuna newsletter e non vi sarà richiesto alcun abbonamento!   Ricordate inoltre che su patriziabarrera.com troverete molto materiale GRATUITO in FREE DOWNLOAD, e che potrete ascoltare tutta la mia musica senza limiti di tempo, magari comodamente sdraiati sotto l’ ombrellone. IL sito è facilmente visualizzabile anche su smartphone, da dove potrete accedere senza problemi  a tutte le altre applicazioni.

E se proprio non vi va di acquistare…beh, condividete il sito con i vostri amici e aiutatemi a farmi conoscere.  Sono un ‘ artista indipendente e il mio grande tesoro è il sostegno del  pubblico, che mi dà ogni giorno lo stimolo e la forza per  offrirvi contenuti sempre più interessanti e piacevoli.

Auguro a tutti Voi una serena estate, piena di cose belle e di buona musica.

Per ora godetevi il mio nuovo single LIBERA:   gustatevi il trailer.

A presto!

Ci vediamo tra un po’

 

goodbye

Cari Amici,

per motivi personali sono costretta ad assentarmi per un po’. Questo blog rimarrà quindi per ora chiuso ma..questo non è un Addio!

Grazie per tutto l’affetto che mi avete sempre dimostrato. Continuate a seguirmi sul mio sito ufficiale patriziabarrera.com dove tanta musica, contenuti gratuiti , film e molto altro Vi aspettano!

Per ora non posso che baciarVi e darVi appuntamento a presto!

Salutiamoci con  il video di una delle mie inedite più gettonate..ManteneteVi caldi!

 

 

 

 

Hot Sex: una canzone vincente

Hot Sex Patrizia Barrera

Hot Sex fa parte del mio album Luci e Ombre, che un po’ ha sancito la mia raggiunta maturità artistica.  Si tratta di un album davvero bello, in puro stile Rock-Blues ma con accenni di jazz e country.  La composizione di quest’album è stata travagliata: attraversavo un periodo denso di difficoltà e ho avuto seri problemi nel mettere tutto su carta. Tuttavia il risultato finale è stato sicuramente convincente; alla fine mi sono trovata per le mani un album che ha girato tanto e che mi ha regalato più di una soddisfazione.

Il filo conduttore dell’album era appunto esprimere quanto possibile il mio travaglio esistenziale attraverso le luci e le ombre della vita stessa. Si passa quindi da brani  lirici e suggestivi a canzoni dallo stile gotico che rappresentano lo scivolamento nel tunnel dell’esistenza. Ognuno dei brani porta tuttavia  dentro di se’ il seme dell’altra faccia, luce od ombre, a seconda che si tratti di una canzone ” scura ” oppure ” ariosa “.

Black Train patriziabarrera.com

Il primo brano, Black Train, disegna un’eroina dark di altri tempi, una donna che vuole vivere liberamente al di là degli schemi e senza alcuna imposizione ma comprende che ciò non sarà possibile a causa delle regole sociali a cui è costretta a soccombere. Il suo gesto finale non è puramente di disperazione ma esprime un folle desiderio di libertà che fa apparire la morte come una salvezza. Questa canzone esprime molto di me.

Sono persa di te  patriziabarrera.com

Sono persa di te è in realtà un grido all’amore perduto, un leitmotive che ritorna sempre nella vita di tutti noi e che prima o poi chiunque ha vissuto almeno una volta. Dire che si comprende il valore di un amore quando lo si perde potrebbe sembrare retorico, eppure si tratta di un’amara verità. Il brano è fortemente sentito e la partitura musicale in stile jazz- blues lo rende ancor più struggente.

Mal d'Amore  patriziabarrera.com

Mal d’Amore è raffinato, cerebrale, anche se ama giocare con un testo elementare. Il brano fu scritto perchè doveva diventare la colonna sonora finale di un film che poi non è stato più realizzato. In esso le sfumature jazz sono evidenti.

That's allright   patriziabarrera.com

That’s allright esprime il disagio dell’alienazione sociale che tutti stiamo oggi vivendo. Il piacere dello stare insieme non esiste più e la società sembra scivolare in un arido baratro in cui gli stessi valori risultano alterati.  E’ un blues che si colora di pop e in cui la presenza del coro ne accentua le volute dissonanze .

Ho parlato con Dio   patriziabarrera.com

Ho parlato con Dio  mi ha tirato addosso svariate polemiche. C’è anche qualcuno che mi ha scritto appellandomi ” atea “…senza sapere quanto sia lontano dalla realtà. Il brano non è affatto un’accusa a Dio ma è anzi un dialogo col Creatore che parte da un momento di disperazione. C’è il richiamo alla Fede e all’Amore , concetti a cui si fa orecchie da mercante quando si sta attraversando un periodo buio. E’ una canzone da ascoltare tutta, in un puro stile blues-soul nato durante una jam session.

Ehi, banchiere   patriziabarrera.com

Ehi, banchiere!  è un’accusa nei confronti delle banche, che oggi controllano e gestiscono tutto, ma anche la considerazione che anche i banchieri sono esseri umani e che anche loro, prima o poi, muoiono. E’ un richiamo su alcuni aspetti fondamentali della vita che spesso sfuggono a chi è abituato al Potere. Uno swamp blues che a me piace molto.

Siamo Italiani   patriziabarrera.com

Siamo Italiani è il brano che è piaciuto di più. Forse perchè, in quattro righe, mette in luce gli aspetti basilari della nostra “Italianità”. Sicuramente la musica originale di

Kevin Mc Leod aggiunge quella carica in più. Uno stile blues- country decisamente accattivante.

Lui si chiama Mario    patriziabarrera.com

Con la canzone Lui si chiama Mario mi sono molto divertita a gettare un po’ di sassolini dalle scarpe. Chi ha una band, chi lavora come musicista e fa le serate non può non riconoscersi nella tragicomica vicenda di Mario, un ragazzo come tanti che sogna di diventare una star. In agguato sfruttatori e volponi che, creando improvvisati personaggi destinati a durare una stagione, in realtà reggono le fila del mercato mondiale della musica. Tutto in chiave umoristica e accompagnato da un simpatico rock’n roll, poichè il brano rifà un po’ il verso al famosissimo ” Johnny B. Goode ” di Chuck Berry.

Mi sono fatta l'Amante   Patrizia Barrera

Godibilissimo  Mi sono fatta l’amante che, senza tanti giri di parole, tratta di un allegro e continuativo ” stato di adulterio “.  La protagonista non si crea molti problemi ma la chiave della canzone non sta nel suo tradimento bensì nella gelosia ossessiva del fidanzato che, con il suo atteggiamento, in definitiva stimola l’ebbrezza del ” peccato “. Un country-rock molto allegro e leggero.

Senti come batte   patriziabarrera.com

Non nego che Senti come batte è una delle mie preferite. Un brano autobiografico dove la presenza della mia amatissima chitarra funky concede un tuffo negli anni ’70.  Dolce e amaro rispecchia molto della mia anima.

rumore   patriziabarrera.com

Rumore è nata per caso, in seguito ad una sperimentazione digitale. Stavo giocando un po’ con gli strumenti quando mi sono accorta di alcune aggressive dissonanze e

” rumorosità ” che apparivano nella registrazione. Ho quindi tagliato la parte che mi interessava, l’ho rimaneggiata e ne è venuto fuori un brano rock- blues che ha poi ispirato anche il testo. Avrei potuto ammorbidire gli spigoli di questa canzone , che entra decisamente in testa, ma il senso dell’intero brano sta proprio lì, nel disagio mentale che stimola. Di effetto!

Inferno e Paradiso   patriziabarrera.com

Altrettanto aggressiva Inferno e Paradiso che è un po’ un mio sfogo personale nei confronti degli ipocriti bacchettoni che girano a piede libero. Costoro affermano che il sesso è marcio ma poi, contro i veri mali che affliggono la società e che in sostanza sono la diretta conseguenza del nostro comportamento, non dicono e non fanno nulla. Anche questo brano mi ha attirato varie polemiche e c’è stato anche un negozio digitale , che non nomino, che voleva etichettarlo come ” brano esplicito “.  E’ un rock – blues che non potete non ascoltare.

Vita   patriziabarrera.com

Vita è la conclusione naturale di un album così articolato. Le considerazioni finali sul tempo che scorre, sulla incompletezza della nostra esistenza e sul valore, mai concesso interamente, ai nostri atti. Lo stile è un mix di pop, blues e moderno che si incastrano tra loro ,e in cui la presenza della tastiera è predominante.

E veniamo adesso a Hot Sex, il brano di cui voglio parlarvi oggi. Una suggestione anni ’60 che si accompagna ad un testo di rottura espresso da una voce sensuale e morbida…ma che al contempo mette in evidenza concetti anticonvenzionali e anche impopolari.

Il sesso senza amore: una realtà difficile da digerire ma che tuttavia esiste e che andrebbe vissuta senza perifrasi e senza tabù. La protagonista del brano ha desiderio di lasciarsi andare in un rapporto privo di remore, dove ogni cosa ha il suo vero nome.  E magari concedersi la trasgressione come un’occasione di crescita, poichè quando la sperimentazione sessuale è consensuale e non violenta  è sempre motivo di arricchimento interiore.  La canzone , godibilissima, rispecchia uno dei miei credi più profondi. Senza scomodare Freud pongo l’accento sulla necessità naturale di non nascondere uno dei nostri bisogni fondamentali dietro alla storiella dell’amore. La libertà sessuale non è un fatto fisico ma l’espressione di una libertà interiore ben più profonda che ci darà, un giorno, la garanzia che la scelta di un eventuale partner per la vita non sia condizionata da schemi o repressioni ma l’espressione reale dei nostri sentimenti.

Un concetto socialmente non bene accetto che non ho timore di esprimere in una canzone, da cui ho anche tratto un video.

Ecco il testo :

Spegni quella luce,
dimmi che ti piace,
smorza la tua voce,
non mi far morire d’amore..
Fammi un po’ vedere chi sei.
Forse sei il mio tipo
ma se non muovi un dito
non potro’ sapere
se potro’ godere con te.
Inizia l’inventario,
se e’ straordinario
lo tiro dal cassetto
ti buttero’ sul letto,
voliamo,
andando sempre piu’ su.
Lecca la mia pelle
raggiungero’ le stelle,
sei sotto il mio dominio
e ti usero’ ancora di piu’.

Hot sex,hot sex,
il sesso non e’ amore
non fare quest’errore.
Solo chi e’ mediocre
ha bisogno di mentire
se non vuoi soffrire
non devi mai farlo con me.

Hot sex,hot sex,
solo due parole
significa ” godere ”
riempi il mio bicchiere

berro’ il tuo liquore
mi perdo nel tuo umore..
Ti attacco questa follia,
invita tu qualcuno, fallo salire qui, a casa mia…

patriziabarrera.com

L’imperativo e’ FARE,
non aver voglia di tornare
andare via
senza avere fretta ma cercare
qui
ogni sicurezza
senza avere in tasca
la chiavetta del mistero
puoi venire siiiii!

Hot sex,hot sex,
il sesso non e’ amore
non fare quest’errore.
Solo chi e’ mediocre
ha bisogno di mentire
se non vuoi soffrire
non devi mai farlo con me….

Code: 1303264833827
Date Mar 26, 2013 6:00 PM UTC
License: All rights reserved

Qui trovi tutte  le Lyrics delle mie canzoni Inedite

Ed ecco il video

Ti piace questa canzone? Allora acquistala sul mio negozio personale, dove troverai tanti bellissimi album ad un prezzo lancio!  Sostieni il mio lavoro : basta un euro.

Preferisci acquistare sui negozi digitali più famosi? Puoi farlo con link diretto QUI

E ricorda: su patriziabarrera.com troverai tanti contenuti per allietare le tue serate noiose. E moltissimi sono GRATIS!

La mia musica

Libri Gratis

Radio Gratis

Films Gratis

Canzoni in REGALO

Indian Shop

                                  Fatti un giro su patriziabarrera.com.  E’ GRATIS!

Patrizia Barrera

Ripiombare giù : dalla disperazione alla forza dell’Amore

Ma se sei una cantante Blues perchè hai scritto una canzone New Age?

Bella domanda. Alcuni di quelli che hanno ascoltato il mio nuovo single Alba me lo hanno chiesto in forma esplicita ed io, sul momento, non ho saputo cosa realmente rispondere. Poi, pensandoci, mi sono resa conto della stupidità della domanda. L’ispirazione non è mai a binari unici e un’ artista segue sempre l’inclinazione del momento. Il mio dolore esistenziale oggi si esprime in una forma inusuale per me, ma non per questo è meno sentito o struggente. Alba definisce una fase esistenziale travagliata e dolorosa che ho cercato di mettere in musica ma soprattutto nei testi, che esprimono a tutto tondo l’asprezza dei miei sentimenti. In parte sono sentimenti collettivi, la solitudine e il travaglio che ognuno di noi, almeno una volta nella vita, si trova ad affrontare.

Nel primo brano  Ripiombare giù, di cui potete vedere il promo del video, è un allucinato viaggio verso il desiderio di autodistruzione che viene infine superato grazie alla potente forza dell’Amore, quello verso la vita e verso noi stessi, e non ultimo quello che ti spinge tra le braccia dell’Altro. UN amore indefinito ma che nei momenti più disperati dell’esistenza riesce infine a venir fuori e a salvarti da azioni e atteggiamenti estremi.

E’ un brano ruvido e di impatto, in cui la voce non riesce a fondersi completamente con la musica ma in un certo senso ne rimane estranea, conferendo una sensazione di dissociazione che sarebbe difficile spiegare a parole. E’ solo nella parte finale del brano, quando questo Amore nascosto esplode dall’anima, che finalmente il bilanciamento è presente e percepibile e voce e musica acquistano armonia. Non è una incisione patinata e perfetta, perchè il risultato finale sarebbe stato innaturale e chi mi segue sa che preferisco, contro ogni moda, valorizzare ” il senso ” di ciò che racconto a scapito anche della purezza della registrazione. Se si piange davvero lo scolo dal naso è automatico, brutto a vedersi, eppure ad un osservatore dà il giusto senso della profondità del dolore: sicuramente un effetto diverso da chi piange tamponandosi educatamente le lacrime col fazzolettino.

Ecco, Ripiombare giù è una canzone con lo scolo dal naso. Il grido che ne scaturisce è senza orpelli ed io stessa mi sono fermata alle prime incisioni perchè non sono riuscita ad andare avanti e a farne altre.

Ecco il testo-

Ripiombare giù

Ripiombare giù..

E mi manca l’aria..

Ho perduto l’Anima…

Solo quando tace ascolto il mio dolore.

Una voce immensa, ricorda ogni mio errore.

Giù dalla finestra è difficile morire,

è solo per chi aspetta quest’ansia di finire.

La paura di cadere e non tornare quando puoi volare via…

Se da questa notte mi sveglierò domani,

luce sulla pelle e amore tra le mani,

non sarà già tardi per tornare a camminare?

C’è qualcosa che mi salvi, non mi faccia più pensare?

Quando senti che sei solo ogni giorno puoi morire un po’ di più.

( parlato)   “Senti come tremo? Ho paura di sbagliarmi.

Tocca la mia pelle, riuscirai a trattenermi?

Forse sono viva e sto qui a tormentarmi. ”

Nel cuore c’è del vento, mi tende le sue mani.

E’ questo Amore dentro che mi impone di restare ancora qui!

Code: 1505144087935
Date May 14, 2015 12:40 PM UTC
License: All rights reserved

Questa volta ho preferito mettere a disposizione l’acquisto del brano esclusivamente come download e non come streaming. Il perchè sta nel furto che lo streaming esercita sulle spalle degli Artisti indipendenti tramite il servizio di abbonamento, ormai onnipresente. Probabilmente ne discuteremo in uno dei prossimi post.

Per ora, se volete, potete acquistare la canzone a circa 1 euro su Amazon  oppure su eMusic.  Se volete davvero darmi una mano fatelo sul mio sito.

In alternativa potete anche solo ascoltarla sempre sul mio sito, che vi offre tale servizio sotto forma GRATUITA senza dovere di abbonamento e senza l’obbligo delle noiosissime newsletters.  Mi darete un sostanzioso aiuto anche se solo CONDIVIDERETE il sito con i vostri amici , oppure guardando il video youtube,o ancora  iscrivendovi al mio canale.

Sono golosa dei vostri commenti: belli o brutti son graditi tutti!  Quindi…datevi da fare!

Alla prossima.

Lucio Battisti e il Tempo di Morire

Lucio Battisti 1969

Tra le decine di capolavori di Lucio Battisti quella che ho sempre sentito mia, oltre alla meravigliosa Dieci Ragazze, è sicuramente Il tempo di Morire, che sancisce non solo la piena maturità del cantautore ormai ” sposato ” pubblicamente con il paroliere Mogol ma la sua perfetta adesione allo stile rock-blues con cui praticamente era nato.
Continua a leggere